Chi se lo sarebbe mai aspettato che il roboante mondo della Formula Uno arrivasse ai piedi della Madonnina? Chi avrebbe mai potuto immaginare di portare l’atmosfera dei box in una sfilata e di amalgamare tutto insieme, dando vita ad uno show dal sapore squisitamente a stelle e strisce, se non Tommy Hilfiger.

Lo stilista si è, infatti, reso protagonista della fashion week milanese appena trascorsa, facendo sfilare le sue proposte per la primavera-estate 2018 in un circuito creato appositamente per l’evento al centro Milano Congressi.

In pole position l’ambasciator internazionale del brand Gigi Hadid, che ha aperto la sfilata con un look squisitamente Hilfiger: top logo rosso blu e bianco sotto una micro t-shirt TommyXGigi, frutto della più che riuscita collaborazione tra la modella e lo stilista, e skinny in pelle avvolgenti come una tuta da pilota. A seguire la sorella Bella e altre modelle e modelli che hanno portato in pista i capi per la prossima stagione.

Il trend? Cool, confident e ready-to-wear: T-shirt cortissime, costumi dalla fantasia propriamente black&white checkered, jeans, felpe e le intramontabili polo. Menzione d’onore all’ultimo giro, in cui lo stilista ha fatto la sua uscita di chiusura accompagnato da una radiosa Gigi e, a seguire, da Bella e le altre, svolazzanti nelle impalpabili gonne colorate che fluttuavano nell’aria come la bandiera atta a segnare il giro più importante per i piloti.

La meraviglia per gli occhi e la gioia di poter far entrare immediatamente un nuovo pezzo di storia Hilfiger nella propria cabina armadio, grazie al See Now, Buy Now. Un format che permette di acquistare immediatamente i looks della sfilata in più di 70 paesi.

Uno show degno di essere ricordato per un allestimento senza precedenti, un parterre d’eccezione e la miglior eredità del label americano fusa con un’atmosfera veloce, adrenalinica e vibrante come quella della Formula Uno.

Tommy Hilfiger è riuscito a coniugare le sue due grandi passioni in TOMMYNOW DRIVE. Le sue creazioni hanno, infatti, corso so fast tra le monoposto e solerti meccanici vestiti dallo stilista, che ha disegnato le nuove divise sportive per la scuderia Mercedes-AMG Petronas Motorsport.

La magia della moda è anche questo: far diventare una semplice t-shirt o un paio di jeans i protagonisti di un’installazione d’arte e, in questa sfilata, Tommy Hilfiger ha saputo creare il giusto connubio tra la Pop Art di Andy Warhol e il Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti.

Articolo scritto e redatto da Giulia Cattelan | Tutti i diritti sono riservati

Runway_Atmosphere_3_7812

Runway_Atmosphere_15_7901

FW18DLA_Milan, Tommy Hilfiger,Milan

TommyHilfiger_02-JPG_7711

TommyHilfiger_03-JPG_7712

TommyHilfiger_14-JPG_7723

TommyHilfiger_18-JPG_7727

TommyHilfiger_29-JPG_7738

TommyHilfiger_38-JPG_7747

TommyHilfiger_40-JPG_7749

TommyHilfiger_41-JPG_7750

TommyHilfiger_42-JPG_7751

TommyHilfiger_56-JPG_7768

TommyHilfiger_62-JPG_7776

TommyHilfiger_63-JPG_7793

 

A proposito dell'autore

Padovana e aspirante avvocato, trova rifugio nelle riviste di moda che legge in religioso silenzio e nei libri di Hakuri Murakami. Figlia unica innamorata pazza di tutti i suoi fratelli e sorelle pelosi, adora pranzare da sola all'Ikea per osservare le persone e prova una profonda ammirazione per le over 70 eleganti e curatissime. Un'Amélie Poulain di provincia che sogna le grandi metropoli e coltiva un amore profondo per Milano. Si commuove di fronte al suono di un pianoforte, alle mille sfumature rosa dei tramonti, ai quadri impressionisti e ai vestiti di Giambattista Valli

Post correlati

WP Premium Plugin