Secondo giorno di esplorazione della Repubblica Dominicana. Il sud dell’isola è ricco di spunti interessanti dal punto di vista naturalistico. Basta guardare con Google Maps per rendersi conto che vi sono diversi parchi naturali ed oasi protette dove poter toccare con mano la natura selvaggia presente sull’isola. Altra cosa che non mancano sono le spiagge.

Rispetto al programma iniziale, che prevedeva il rientro in serata su Barahona, facciamo un cambiamento e quindi decidiamo di pernottare a Perdernales, a due passi da Haiti. Il tutto ovviamente con mille soste ed altrettanti saliscendi dal pulmino. 

Guardate voi stessi con i vostri occhi la bellezza delle spiagge che si incontrano lungo il nostro cammino.

Repubblica Dominicana - 0070

Repubblica Dominicana - 0071

Repubblica Dominicana - 0041

Repubblica Dominicana - 0042

Repubblica Dominicana - 0043

Repubblica Dominicana - 0044  Repubblica Dominicana - 0046

Repubblica Dominicana - 0047

Repubblica Dominicana - 0048

Repubblica Dominicana - 0049

Alla scoperta del Larimar

Lungo il tragitto non è raro trovare qualche venditore locale e con la scusa di fare qualche fotografia al panorama ci fermiamo a fare quattro chiacchiere con una famiglia dominicana che vende Larimar (dallo spagnolo, “Lacrima del Mare”), una pietra locale di origine vulcanica di un gentile blu cielo con la trasparenza del mare che si dice porti la tranquillità dell’acqua nel cuore e nella mente. Che crediate o meno alla cristalloterapia la pietra è veramente bellissima e merita di spenderci qualche “euro” per acquistare un gioiellino.

Il Larimar è una delle pietre più nuove e rare al mondo ed in Europa è sostanzialmente sconosciuta per via della scarsa capacità estrattiva. Potete acquistare questa pietra da venditori locali ma attenzione al prezzo: la parola d’ordine in questi casi è trattare. Se siete in un gruppo sostenetevi a vicenda, nessuno deve comprare fino a che non si pattuiscono i prezzi, perché a fronte di vendite più importanti potrete riuscire a spuntare prezzi migliori. Se comprate uno per volta siete finiti. Non pensate che quella sia l’unica opportunità di acquistare gioielli in Larimar: la pietra è venduta abbondantemente anche nella capitale Santo Domingo ed in ogni altro luogo quindi non lasciatevi ingannare dai prezzi “bassi” dei venditori di strada. I prezzi offerti dalla nostra venditrice ambulante erano anche superiori rispetto a quelli della capitale.

Repubblica Dominicana - 0056

Repubblica Dominicana - 0058

Repubblica Dominicana - 0053

Repubblica Dominicana - 0054

Repubblica Dominicana - 0055  Repubblica Dominicana - 0057

 

Le spiagge del Sud della Repubblica Dominicana e la Laguna de Oviedo

Abbiamo la possibilità di vedere molte delle spiagge della costa quali ad esempio Saladilla, Los Patos ma ci fermiamo per un’ora di sole a San Rafael, una piccola spiaggia con tanto di cascate naturali che sembra uscita da una cartolina. L’acqua gelida del fiume si fonde nel caldo mare caraibico dopo alcune cascate e piscine naturali dove potrete fare il bagno. Volendo, se disponete di tempo sufficiente, potete fermarvi a mangiare qualcosa in uno dei chioschi che sono presenti vicino alle cascate.

Consiglio sempre di evitare il hielo (ghiaccio) anche nei cocktail perché rischiate soltanto di rovinarvi la vacanza. Acqua: solo sigillata.

Dopo qualche altra spiaggia incantata e qualche kilometro di strada andiamo a fermarci all’interno del Jaragua National Park, precisamente nella Laguna de Oviedo, per una sosta nelle paludi per vedere la natura selvaggia. Anche in questo caso consiglio cappello, crema solare e tanta acqua perché dovete mettere in conto un’ora di cammino ad andare ed un’ora a tornare ma lo spettacolo che troverete vale comunque la camminata perché fenicotteri e tante altre specie di uccelli acquatici aspettano soltanto di essere fotografati. Qualora vi dovessero proporre l’opportunità di fare un giro a piedi all’interno della palude non dite di no perché a parte la fisiologica sensazione iniziale non proprio bellissima avete l’opportunità di entrare a stretto contatto con la natura. In base a quanto sarete fortunati potrete vedere le tartarughe marine, qualche iguana rinoceronte o ancora meglio l’iguana ricord (Cyclura ricordi), attualmente in via di estinzione. Se siete amanti del bird-watching avrete di che sbizzarrirvi.

Repubblica Dominicana - 0072

Repubblica Dominicana - 0073

Repubblica Dominicana - 0074

Repubblica Dominicana - 0075

Repubblica Dominicana - 0076

Repubblica Dominicana - 0077

Repubblica Dominicana - 0078

Repubblica Dominicana - 0079

 

I Colmando e i Colmadon

Dopo una giornata tanto lunga ci accorgiamo di non aver nemmeno pranzato e allora quale migliore occasione di entrare in contatto con la cultura locale se non fermarsi in un colmado ? I colmado sono una delle basi dell’economia locale e rappresentano il punto di contatto tra le merci ed il territorio. I grandi supermarket non sono così diffusi e quindi la gente è solita fare la spesa nel supermercato di paese che prende appunto il nome di colmado. In quelli più evoluti, che vengono chiamati “colmadon”, si possono usufruire di ulteriori servizi quali bar, discoteca, scommesse e perché no anche consegna a domicilio.

Ci fermiamo in un colmadon (visto che offre anche il servizio di bar) per mangiare un po’ di frutta locale,  bere un succo fatto sul momento e mangiare una empanada de queso o de pollo (formaggio o pollo). Anche in questo caso la precauzione è d’obbligo perché il ghiaccio può fare brutti scherzi. Consiglio un bel giro di fermenti lattici ogni mattina e magari anche la sera prima di andare a letto…

Riprendiamo il nostro viaggio verso il nostro ostello: Hostal Doña Chava, a Pedernales. Proprio a due passi da Haiti.

I 60 km che separano il nostro colmadon situato ad Oviedo dalla cittadina di Pedernales attraversano un territorio incontaminato, a tratti selvaggi in cui continui saliscendi tra la terra rossa ricordano l’Australia, con un tramonto degno delle più belle cartoline.

Arriviamo con il consueto buio dominicano ed a stento riusciamo a riconoscere il nostro ostello (Hostal Doña Chava). Saluto i miei compagni di viaggio e mi isolo per qualche ora di lavoro in tutta tranquillità mentre loro escono a cena.

 

Indirizzi utili

Hostal Doña Chava
Calle 2da 5, Pedernales 84000, Repubblica Dominicana
http://www.donachava.com/

 

 

Vi lascio qualche altra fotografia. le immagini scattate sono davvero tantissime!

Repubblica Dominicana - 0051   Repubblica Dominicana - 0059

Repubblica Dominicana - 0060

Repubblica Dominicana - 0062

Repubblica Dominicana - 0064

Repubblica Dominicana - 0065

Repubblica Dominicana - 0066

Repubblica Dominicana - 0067

Repubblica Dominicana - 0068

Repubblica Dominicana - 0069

Articolo scritto e redatto da lingegnere | Tutti i diritti sono riservati

WP Premium Plugin